Una Reno rugby sperimentale viene sconfitta a Perugia 31-20. A sorpresa lo staff tecnico della Reno decide di mandare in campo, contro la capolista Perugia una squadra completamente ridisegnata nei ruoli e nei componenti. I gialloblù devono fare i conti con i numerosi infortuni in prima linea e decidono di giocarsi l’opportunità di conquistare  almeno punti di bonus inserendo a sorpresa la formazione titolare solo nel secondo tempo. Scende così in campo, con il compito di arginare la forte formazione umbra, una formazione con molti giovani, Hnativ, Ellimach, Frezzati, Corsini e anche con la linea mediana è inedita; Cavedale, schierato come mediano di apertura, insieme a Fava. Il Cus Perugia è deciso a vincere guadagnandosi 5 punti e comincia la partita molto deciso. Già dalla prima azione la mischia detta legge, conquista terreno e al 3° va subito in meta con i trequarti, 5 a 0 , Masone però non trasforma. La Reno riparte e prova a rendersi pericolosa e nella prima azione sulla metà campo avversaria va a punti con un calcio di punizione piazzato da Urgeghe: 5-3. La reazione però è breve e i biancorossi perugini cominciano ad imporre il loro gioco grazie agli avanti che dominano il campo e mettono in moto i centri e le ali. Al 20°, dopo ripetuti falli all’interno dei 22 bolognesi, l’arbitro assegna una meta tecnica che viene trasformata da Masone per il 12 a 3. I giovani gialloblù non riescono ad arginare le folate umbre e commettono molti errori. Al 32° e al 37° Perugia mette a segno altre due mete, di cui una sola trasformata, portando il punteggio sul 24 a 3 e conquistando il punto di bonus. All’ultimo minuto del primo tempo la Reno ha un lampo, su un errore di Perugia ruba un pallone a metà campo e permette a Ruggeri di varcare la linea avversaria; Urgeghe trasforma per il 24 a 10 , su questo punteggio le squadre vanno al riposo.

Nel secondo tempo Perugia comincia con lo stessa concentrazione e dopo tre minuti va ancora in meta portando il punteggio sul 31 a 10. Il duo Venturi-Fava cambia completamente la squadra mettendo in campo i titolari . Anche il Perugia effettua numerosi cambi e la Reno, grazie alla freschezza e all’esperienza di questi giocatori, comincia a insediarsi nell’area biancorossa rendendosi sempre più pericolosa. A 27°, dopo un’ottima azione sulle 22, Filippo Venturi vola verso la meta ; Sacchetti non trasforma e il punteggio va sul 31 a 15.  I bolognesi ci credono, riescono ad arginare le azioni perugine e si rendono sempre più pericolosi. Al 33° da una touche vinta nei 10 metri, con una azione di forza Murgulet riesce a varcare la linea marcato strettamente dagli avanti avversari. I gialloblù esultano ma l’arbitro non assegna la meta giudicando la palla non schiacciata a terra. Nonostante l’occasione persa e il poco tempo rimasto, la Reno ricomincia con il proprio gioco ritornando a guadagnare metri su metri, contro l’ottima difesa del Perugia. Al 39°, dopo una serie di giocate con i trequarti, riesce a superare per la terza volta la linea di gesso con Sacchetti, che però non riesce a trasformare la sua meta. La partita termina con il punteggio di 31 a 20.

Al Quindici del Presidente Capone non basta una tattica di gioco spregiudicata e un buon secondo tempo per portare a casa almeno un punto dal terreno di un CUS Perugia che merita di essere in testa alla classifica. Anche i risultati degli altri campi non sono stati positivi per la Reno. Le prossime due partite saranno decisive per la lotta salvezza. Domenica i Gialloblù torneranno tra le mura amiche per affrontare il Livorno e poi, nell’ultima partita del 2012, andranno ad Arezzo.

Reno: 15 Urgeghe (21 Sacchetti), 14 Biscaglia, 13 Venturi, 12 Hnativ, 11 Ellimach (22 Natale),
10 Cavedale, 9 Fava (20 Bettini), 8 Ruggeri, 7 Frezzati (19 Savoia), 6 Vagheggini, 5 Santon, 4
Baldoni (18 Baroni), 3 Corsini (16 Boarelli) , 2 Bertuzzi (17 Pizza), 1 Murgulet
.
Risultati della 8° giornata Campionato serie B – Girone 2
VASARI RUGBY AREZZO – FIRENZE RUGBY CLUB 19 – 20 (1-4)
PIACENZA RUGBY – PESARO RUGBY 16 – 19 (1-4)
UNION RUGBY TIRRENO – UNIONE RUGBY PRATO SESTO 12 – 28 (0-5)
RUGBY VITERBO – RUGBY CLUB EMERGENTI CECINA 14 – 17 (1-4)
LIVORNO RUGBY – RUGBY NOCETO 26 – 25 (4-1)
C.U.S. PERUGIA RUGBY – RENO RUGBY BOLOGNA 31 – 20 (5-0)
Classifica:
Cus Perugia punti 34; Pesaro punti 29; Piacenza punti 27; Noceto punti 26; Prato Sesto punti 22;
Firenze Rugby punti 19; Unione Tirreno punti 17; Viterbo punti 11; Emergenti Cecina e Livorno
Rugby punti 9; Reno Bologna e Arezzo punti 6.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.