Pioli: “Adesso siamo una squadra” Il tecnico soddisfatto di Agliardi e Sorensen

Basket, al via il Progetto Azzurri
11 dicembre 2012
Dal Coni le Stelle e le Palme
ai meriti sportivo e tecnico,
il Comune premia la Grimaldi
11 dicembre 2012

“Finalmente siamo una squadra”. Ecco le prime parole di convinta soddisfazione del tecnico del Bologna Stefano Pioli, dopo il pareggio a reti inviolate tra la sua squadra e la Lazio, nel posticipo serale del lunedì. “Il nostro è stato un percorso lungo e complicato, ma nell’ultimo mese abbiamo fatto prestazioni importanti- spiega il mister- per spirito e atteggiamento”. Queste parole in realtà ci fanno pensare che quando in passato Pioli sosteneva di avere ai propri ordini una vera squadra, che giocava sempre con il giusto atteggiamento e alla quale mancava solo il risultato, beh, ci viene da pensare che non ne fosse proprio così convinto. Altrimenti non si spiegherebbe una tale soddisfazione nel post partita con la Lazio. Comunque, Pioli e i suoi ragazzi hanno ottenuto il secondo risultato utile consecutivo, il terzo in quattro partite (con la parentesi negativa di Genova, sponda Samp). Tuttavia, sottolinea Pioli, “la classifica resta quella che è”. Perciò occorre “continuare così, perché siamo ancora indietro e abbiamo davanti due gare difficili, specialmente contro il Napoli domenica, prima della pausa”. Ritornando alla gara contro la Lazio, il mister sottolinea le soddisfacenti prove di Agliardi e Sorensen: il primo “ha giocato con coraggio e personalità”, e il secondo “sta crescendo tanto, sta lavorando molto già dallo scorso anno e deve essere preso ad esempio da tutti, anche perché lo scorso anno ha dovuto ingoiare diversi rospi a causa delle mie scelte, ma non si è mai demoralizzato”.

Frederik Sorensen

Il danese mancherà la prossima settimana a Napoli, ma per fortuna Pioli ritroverà Daniele Portanova, vero leader dello spogliatoio rossoblù. Dovremo aspettare, dunque, una settimana in più per capire se il rientro di Portanova comporterà delle scelte dolorose in difesa.

Daniele Portanova

Anche perché Antonsson e Cherubin, oltre al già citato Sorensen, hanno dimostrato nell’ultimo mese e mezzo di poter rendere come ci si aspetta, avendo incassato solo 4 goal nelle ultime 6 partite (numeri di una retroguardia da salvezza sicura).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.