Squadra e staff Eagles ” Proprietà, paga i NAS, decurta il 10 e dacci un campo di allenamento ”

La proposta di squadra e staff Eagles é arrivata ieri sera attraverso questo comunicato:
– garanzia di finire il campionato quindi il pagamento dei NAS, 93 mila euro entro le ore 12 di martedì 20;
– detrazione pari al 10% dell’ingaggio subito, sul restante 40% si puo’ serenamente trattare, guardandosi negli occhi e non attraverso i media. Cercando insieme, tutti insieme, Società, Giocatori e Tifosi di arrivare a quella sostenibilità sbandierata ai quattro venti. Di sicuro giocare al Paladozza agevolerebbe l’aprire la campagna abbonamenti (che causa il prolungato peregrinare da un palazzetto all’altro non lo ha ancora reso possibile), inoltre permetterebbe la possibilità che qualche sponsor si avvicini, che agevolerebbe la copertura dell’ulteriore percentuale scoperta per terminare la stagione;
– avere la possibilità di allenarsi regolarmente. (la squadra non si allena dalla partita con Latina di domenica scorsa).

Ieri c’era stato un botta e risposta sul destino degli Eagles dalle frequenze di Radio International Bologna. Il coach, Massimo Padovano: “La palestra di Calderara non è stata pagata e, quindi, siamo senza un campo dove allenarci. Ieri sera ho finalmente parlato con Giulio Romagnoli. Gli ho confermato che alla loro proposta verbale di giovedì scorso (60% in meno allo staff tecnico, 50% ai giocatori – ndr), noi abbiamo già risposto verbalmente, prospettando una decurtazione del 10% uguale per tutti. Aspetto che ci chiamino per trovare un accordo nel mezzo; adesso, però, per prima cosa, vorrei vedere dalla proprietà una mossa pro-Eagles, come pagare i NAS. Noi non stiamo remando contro: per esempio, domenica vogliamo, comunque, giocare a Ferrara contro Poggio Rusco; poi, se martedì finirà tutto, amen, ma noi la nostra parte vorremmo farla“.

Il comproprietario, Fabio Landi: ” Stiamo verificando la sostenibilità economica dell’operazione Eagles e cioè capire se ci sono le risorse adeguate per finire l’anno, ma qualcosa sta andando in salita. Allo staff di Eagles abbiamo fatto una proposta, ma non abbiamo avuto ancora la risposta; la strada sarebbe più facile se ci fosse il contributo di tutti. Il pregresso di Eagles è dato da fornitori e dallo staff tecnico + giocatori dell’anno scorso; poi ci sono delle voci che non puoi transare come tasse FIP, trasferte, etc. Il budget dello staff tecnico di Eagles è un budget importante nel complesso e deve essere ridiscusso. Venerdì, comunque, andiamo a Roma per capire se è possibile avere il 1° luglio un nuovo contenitore, magari con il codice FIP 103“.
Se non pagate i NAS adesso, ma a giugno, potreste fare una fusione?
L’idea non è stata scartata. Prima di comunicare la decisione finale dobbiamo ancora completare le nostre analisi. Entro martedì saremmo obbligati a pagare il 100% dei NAS perchè non abbiamo saldato la prima rata lo scorso 5 novembre. Spero venerdì di avere la fotografia finale di tutta la situazione“.
Quando avevate partecipato all’asta non sapevate qual’era l’impegno economico che dovevate sostenere? Perchè tutti questi problemi?
La parte economica sommariamente la conoscevamo, ma da quel 16 ottobre in poi sono successe tante cose, a cominciare dai tifosi. Abbiamo bisogno del contributo di tutti e, ripeto, non abbiamo ancora completato il conteggio finale“.

Sensazione? E’ già tutto finito, solo che si tarda a dirlo…

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.