Marco Tarozzi 1300 persone per il ” rossoblù ” Rotolo ” Grazie a chi é venuto, ora l’Europeo “

baiocchi
Bologna in lutto per la scomparsa di Giuseppe Baiocchi
3 novembre 2012
sordi
Meccanica Nova,
al PalaDozza arriva Ancona
3 novembre 2012
Tarozzi

C’è un motivo se Simone Rotolo è ancora sulla breccia a quasi trentasei anni. Anzi, due: il primo è la passione che gli permette di resistere ai sacrifici e alle privazioni che la boxe impone ai suoi protagonisti, il secondo l’incapacità di accontentarsi. Anche nella notte del ritorno in grande stile al PalaDozza, felice per aver conservato il titolo italiano dei medi contro Cosseddu e per l’affetto della sua gente, Simone ha sottolineato che “speravo in qualche presenza in più questa sera, ma quelli che c’erano li ho sentiti e li ringrazio”.

Aveva chiesto almeno duemila persone a palazzo, il campione. Ne sono arrivate circa 1300. Quelli che c’erano, buoni e non certo pochi visti i recenti trascorsi della “noble art” in città, sono uno spartiacque importante. Tra un passato vissuto sottotono e un futuro che davvero può cambiare. Rotolo ha riportato a bordoring la gente comune, quella che si innamora di un campione e non soltanto i tecnici, gli intenditori, che per forza di cose sono pochi. Ed è questo il segno del cambiamento. Sta nelle parole dei ragazzi della curva Bulgarelli, venuti ad applaudire il loro beniamino che sale sul ring con la maglia del Bologna e la scritta “Uno di voi” sull’elastico dei calzoncini, e non lo fa per opportunismo ma per scelta. “Di tecnica non so nulla”, diceva uno di loro prima dell’incontro, “ma sono qui per Simone, perché è un generoso e se lo merita”.

Ecco, questa è la frase che deve fare piacere a chi ama il pugilato. Non è facile, di questi tempi, chiamare a raccolta nuovi adepti, ragazzi che oggi non masticano molto di questa disciplina ma domani, magari, chissà. Ci voleva uno come Rotolo per riuscirci. Per questo la boxe non può fare a meno di lui, e deve dargli nuove occasioni, ribalte ancora più importanti. Per questo 1300 è un numero importante, dopo questa notte che forse ha cambiato qualcosa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.