DSC_2987
Sfilata di pallavoliste domenica al Dall’Ara
28 settembre 2012
Under 16 e campioni sotto l’egida del CONI
29 settembre 2012

Sono 34 i team nazionali e 102 i piloti che competono oggi e domani qui in Belgio per la 66 edizione del Motocross delle Nazioni, la gara di moto più bella dell’anno che si corre dal lontano 1946 e che fu tra le prime competizioni motoristiche disputate nell’Europa post bellica. Per questo gli occhi degli appassionati di moto di tutto il mondo sono puntati in queste ore su Lommel, piccolo villaggio della ricca regione industriale del Limburgo, nelle Fiandre Orientali, dove è collocata una tra le piste di motocross più celebri al mondo. Realizzata su sabbia profonda, come su una spiaggia, appena smossa e poco lavorata, è considerata un inferno dai piloti. Si tratta di uno dei tracciati più insidiosi e difficili in assoluto, ben conosciuto dai piloti che corrono in Europa, mentre per il team USA, Campione uscente, la pista rappresenta una vera incognita. La squadra a stelle e strisce, guidata da Roger de Coster , composta da Ryan Dungey (KTM – MX1), Blake Baggett (Yamaha-MX2) e Justin Barcia (Honda Open – MX3) è giunta per tempo qui in Belgio, per allenarsi e assimilare al meglio il percorso.

Come è noto agli appassionati, il Motocross delle Nazioni è una sfida tra la scuola statunitense e il resto del mondo e l’Italia rientra nel novero dei Paesi più forti. Ieri si sono tenute le tradizionali conferenze stampa di presentazione delle squadre. Gli americani sono apparsi confidenti , ma parecchio abbottonati, proprio perché Lommel è pista atipica per loro. Il Team Maglia Azzurra, allenato da Tomas Traversini, schiera una formazione forte, che ha come uomo di punta il penta Campione del Mondo Antonio Cairoli (KTM-MX1), il siciliano  ha spiegato «personalmente sono molto in forma e Lommel è un circuito che conosco assai bene e che mi piace parecchio. Qui ho vinto 2 tra i Gran Premi più belli della mia carriera , per questo domenica il mio obiettivo sarà di arrivare al primo posto nella gara della classe MX1. Credo che l’Italia ! abbia una buona squadra e che possiamo lottare per il podio». Con lui corrono il viterbese Alessandro Lupino (Husqvarna-MX2) e il bresciano Davide Guarneri (KTM- Open MX3).Le altre squadre favorite sono il grande Belgio padrone di casa, con gli specialisti della sabbia Desalle, de Dycker e van Horebeek guidati da Joel Smets, la giovane Francia con Paulin, Musquin e Boog, mentre la sorpresa potrebbe essere l’Olanda , con il neo Campione del mondo MX2 Herlings,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.