volley
Le cifre dell’Idea Volley autorizzano ottimismo
19 novembre 2012
foto
Andrea Tedeschi
Sabatini si addossa la crisi Virtus,
si ferma la Biancoblù a Verona
19 novembre 2012
arcoveggio

Clou per cadetti nel giovedì del trotto bolognese, con la leva 2008 a reggere un qualitativo cartellone, nel quale trovano ampio risalto prove riservate ad anziani di alto cabotaggio, tra l’altro impegnati in unaTris dallo schema accattivante e dal diffuso equilibrio posta come sesta corsa. Miglio per sette, grande incertezza ed un esito cronometrico di assoluto interesse, questa la proposta del centralefelsineo (questa volta settima corsa), nel quale si evidenziano picchi di eccellenza rappresentati daOblio Dei Venti e Onestar Lb, fighter dall’elevato rendimento il primo, regolarista esimia la seconda, soggetti ai margini della prima categoria  sempre in coppia con Vecchione e Lorenzo Baldi, fidi partner di una carriera encomiabile, mentre in alternativa si candidano Olmo Del Sauro, tenace allievo del team Baroncini, oggi in versione Tommaso di Lorenzo, e Ortensia Pit, giornaliera e capricciosa giumenta da poco agli ordini dei Gocciadoro.

Alle 14.30 il primo hurrah del divertente pomeriggio con Radenska D’Aghi a farsi perdonare un recente flop e tornare agli ordini di Andrea Buzzitta dopo l’intermezzo targato Vecchione, il quale sarà ai comandi della progredita Rebecca, favorita tecnica della contesa. Ancora giovani virgulti alla seconda, nella fattispecie mai vincitori in carriera, casella che la deb Randy Trio può riempire sin dalla sfida odierna, mentre alla terza Oliver Caf e Zaccherini si disputeranno il gradino più alto del podio con Olimpus Alca e Massimo De Luca.  La kermesse raggiunge vette qualitative di notevole caratura al sopraggiungere della quarta, un miglio per anziani nel quale Moriera As e Lussuria Grif lotteranno per ottenere la leadership sin dal via ed i grintosi Lindy’s Nord Fro e Malandro Mader batteranno impervie corsie esterne per portare a casa un sudato ma ben remunerato successo, lasciando a Eppy Zs il compito di raccogliere i resti altrui e magari lottare per il podio, mentre alla quinta Paolino e Di Lorenzo ambiscono a sancire l’eccellente momento che lega entrambi, e tutti i pensionari di casa Baroncini.

Alla sesta, la già menzionata Tris, con il penalizzato Napo Orso Capo all’inseguimento delle lepriLosanna Trio e Nirvana Jet, mentre Gil Mast è l’ideale sorpresa. In chiusura, attenzione a Immanuel Kant, lontano dal top ma pur sempre soggetto di classe, oggi in versione Andreghetti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.