Il Coni E.R. chiede a Errani investimenti nello sport
“Serve una Conferenza per orientare le iniziative”

simbolo effe
Giovanni Baiano Qui si fanno i conti senza l’oste
8 novembre 2012
manifestazione-3
Uisp e Hic Sunt Leones
al corteo per i migranti.
“Lo sport è accoglienza”
8 novembre 2012
coni e-r

“Che sport vogliamo per il futuro?”. Così i vertici regionali del Coni esordiscono in una lettera aperta al presidente e commissario straordinario della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, al quale viene richiesto espressamente di “aprire una Conferenza regionale dello Sport”.

Renato Rizzoli, presidente Coni Bologna

William Reverberi, presidente del Coni regionale, Renato Rizzoli, presidente del Coni bolognese, e tutti gli altri dirigenti del Coni di ogni provincia emiliano-romagnola, lamentano infatti una mancanza di progettualità e di investimenti mirati per assicurare un futuro allo sport regionale, e si chiedono quali azioni siano state “messe in campo per sostenere le società sportive e i tanti volontari che operano in esse?” Ad Errani viene fatto notare che, in un questo momento di crisi generale, i gruppi dirigenti saranno “chiamati ad operare scelte capaci di garantire la sopravvivenza delle società sportive, che caratterizzano la loro attività nei settori giovanili”. Anche perché, sostengono dal Coni,  “l’attività motoria e sportiva deve essere un vero e proprio diritto di cittadinanza, meritevole di politiche e di interventi pubblici da inserire a pieno titolo nell’ambito di un moderno sistema di welfare”.

William Reverberi, presidente Coni Emilia-Romagna

Come fare? Dal Coni arrivano indicazioni ben precise, sotto forma di lista con tanto di titoli da spuntare. Sarebbe necessario “garantire gli spazi e le risorse necessarie, attraverso il sostegno all’associazionismo sportivo”. E in quest’ottica diventerebbero “centrali” le politiche della Regione e degli Enti locali, “in stretta sinergia con le rappresentanze del movimento sportivo”. Inoltre, “si dovrà investire maggiormente” in progetti che favoriscano lo sport dilettantistico e giovanile, “con particolare attenzione alla qualificazione degli assetti urbani, alla realizzazione di impianti polivalenti e al coinvolgimento del capitale privato”.

Insomma, Reverberi, Rizzoli e colleghi credono sia tempo che la Regione promuova una Conferenza che si ponga come obiettivo “orientare e sostenere il complesso delle politiche a supporto di ogni forma di sport”, da quello scolastico, alle “attività dei disabili”, fino allo “sport per tutti”.

Vasco Errani, presidente Regione Emilia-Romagna

Qualora venisse organizzata, alla Conferenza si dovrebbe parlare anche di “forme agevolate di finanziamento per la costruzione e la riqualificazione degli impianti sportivi”, rivisitando un po’ “tutta la risposta pubblica nei confronti dello sport, compresa la legislazione e gli interventi finanziari della Regione”, conclude la lettera.

 

Giovanni Baiano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.