Bologna-Livorno 1-0, goal di Pasquato I rossoblù giocheranno in Coppa Italia a Napoli Pioli: ” Non sarò il Ds”

pasquato
Bologna 1-0 sul Livorno a metà gara. Decide Pasquato
28 novembre 2012
sorpasso Vettel
Sorpasso di Vettel, la Fia dice: “Tutto regolare”
Charlie Whiting ribadisce la fine del Mondiale F1
29 novembre 2012
pasquato

E’ bastata la rete di Pasquato al 34′ al Bologna per battere il Livorno e superare il turno in Coppa Italia. I ragazzi di Pioli non hanno fatto molta fatica ad avere la meglio dei labronici, quasi mai pericolosi, e adesso aspetteranno una ventina di giorni, prima di tentare l’impresa al San Paolo contro il Napoli, negli ottavi di finale. Oggi i due allenatori hanno schierato formazioni rimaneggiate: Pioli ha dato spazio ai giocatori che fin qua hanno avuto meno occasioni e a qualche giovane della Primavera, e lo stesso ha fatto l’allenatore del Livorno Nicola. In campo si è decisamente vista la differenza di qualità e i rossoblù hanno sempre tenuto il pallino del gioco. Nella prima mezz’ora i più attivi sono stati Riverola e Pasquato, che al 34′, imbeccato da un lancio di Pazienza, dalla sinistra si accentrato e ha tirato verso la porta, trovando la deviazione decisiva di un difensore avversario e segnando la rete del’1-0. Sul finale di tempo il Bologna ha avuto altre 2-3 palle goal, ma lo stesso Pasquato ne ha sprecate un paio, una clamorosa in campo aperto davanti al portiere. La ripresa si apre come era finito il primo tempo: il Bologna prova a giocare la palla, il Livorno non riesce a combinare quasi niente. Con il passare dei minuti si spengono sia Pasquato, sia Riverola e l’unico a provare qualche “strappo” è Kone, oggi capitano, senza però riuscirci più di tanto. Dopo una prevedibile girandola di cambi, la partita si spegne del tutto. A parte una punizione dell’ex Siligardi (subentrato nel Livorno al 66′), Lombardi non corre pericoli. Mister Pioli può così esultare per il passaggio del turno e per aver ritrovato la vittoria, che darà sicuramente un po’ di fiducia alla squadra. Da sottolineare l’eccellente prova di Krhin, schierato nel ruolo inedito di centrale difensivo: lo sloveno difende bene con il fisico, mostra buone doti di testa e mostra tranquillità nel comandare il reparto ed impostare l’azione dal basso.

Uros Radakovic

Anche Radakovic ha fatto vedere di essere un sicuro prospetto per la Serie A, pur necessitando di un po’ di tempo per “smussare” qualche eccesso di foga, dovuto forse all’inesperienza. Da bocciare, invece, due acquisti estivi di Zanzi e compagnia: Motta e Pazienza non sembrano avere il controllo della situazione nemmeno in una partita contro avversari decisamente più deboli. Il primo ha evidenti carenze di personalità, sbaglia appoggi semplicissimi e continua imperterrito a difendere un metro abbondante dall’avversario; il secondo gioca con una superficialità disarmante e commette errori di impostazione che, anche se oggi ininfluenti, in Serie A si pagano sempre a caro prezzo. Purtroppo anche Abero ha mostrato tutti i suoi limiti, e se nel secondo tempo ci mette più voglia, attaccando spesso sulla fascia sinistra, tecnicamente non sembra adatto per la massima Serie.

Renè Krhin

A fine partita Pioli ha dichiarato: “Sono contento per quelli meno impegnati fino ad oggi, che si sono dimostrati all’altezza. Abbiamo fatto crescere diversi giovani e questo è importante. Non abbiamo rischiato nulla”. Stuzzicato sull’ipotesi di un ruolo da Ds ad interim per il mercato di gennaio, l’allenatore ha risposto: “Continuo a fare l’allenatore, che è il mio ruolo. Poi sono ovviamente contento che la società sia disponibile a seguire le mie indicazioni per il mercato, ma il Ds non è il mio ruolo”. Passato il turno, Pioli “archivia il risultato” e pensa già alla sfida di domenica contro l’Atalanta, che “sarà molto molto importante”. Sulle prestazioni dei singoli, il mister sottolinea la prova di Krhin, “un giocatore di qualità che ha giocato molto bene in un nuovo ruolo” e di Pasquato che “ha fatto goal ma può fare ancora meglio di così”.

TABELLINO Bologna-Livorno 1-0

Bologna: Lombardi, Radakovic, Krhin, Morleo, Motta (46′ Pulzetti), Pazienza, Riverola, Abero, Kone, Pasquato, Veratti (74′ Capello).

Livorno: Mazzoni (46′ Fiorillo), Salviato, Emerson, Bernardini, Meola, Gientsoglou, Molinelli, Prutsch (54′ Bigazzi), Gemiti, Piccolo (67’Siligardi), Dell’Agnello.

Marcatori: 34′ Pasquato

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.