Bologna-Lazio 0-0: nulla più di quello che
ci si aspettava. Agliardi salva i rossoblù,
Diamanti e compagni non pungono

Alessandra Fuzzi-Esprit - arg Coppa Italia pony 9dic12
Coppa Italia Pony, Alessandra Fuzzi è d’argento
10 dicembre 2012
NR9W9903
Basket, al via
il Progetto Azzurri
11 dicembre 2012
Alberto Gilardino

E’ finito come molti pensavano il posticipo serale del lunedì tra Bologna e Lazio al Dall’Ara: con un pareggio senza reti, 0-0. Diamanti e compagni subiscono la pressione della Lazio nella prima frazione, senza riuscire quasi mai a mettere in difficoltà la retroguardia biancoceleste. Agliardi si deve anche impegnare in un paio di occasioni, per evitare di dover raccogliere il pallone da dentro la porta. Come quando devia una conclusione pericolosa di Biava al 45′, imbeccato da un cross di Ciani.

Federico Agliardi

Tra le fila bolognesi, invece, il gioco latita alquanto e Gilardino non vede un pallone giocabile neanche con il binocolo. Nel secondo tempo le parti si invertono: i capitolini spariscono dal campo e il Bologna prova (senza crederci più di tanto) ad attaccare con un po’ più di verve. La verità, però, è che il pari sembra stare bene ad entrambe le formazioni in campo, e neanche i cambi regalano qualche attimo di pathos in più. Di “incredibile” al Dall’Ara si è visto soltanto il pubblico, che ancora una volta non ha disertato l’appuntamento allo stadio, nonostante il gelo infrasettimanale. Continuiamo a chiederci come sia possibile organizzare delle partite di campionato di lunedì sera, ma tant’è: i diritti televisivi valgono più di uno stadio pieno e oramai bisognerà farci anche l’abitudine. Comunque, Pioli nel secondo tempo prova a cambiare un po’ le carte in tavola, inserendo prima Morleo (escluso dai titolari, crediamo, per difendere meglio sulla fascia sinistra con Cherubin) e poi con Pasquato, subentrato a 5′ dalla fine, quando la Lazio è rimasta in dieci per l’espulsione di Kozac (doppia ammonizione). Niente da fare, però, il risultato non cambia e l’arbitro manda tutti sotto la doccia dopo 4′ di recupero. Può sorridere Petkovic per non aver perso una partita che se avesse giocato in questo modo in qualsiasi altro campo di una concorrente per la salvezza, avrebbe certamente rischiato di perdere. Può sorridere Pioli per aver messo in fila due risultati utili consecutivi, che è poi ciò che cercava (almeno guardando l’undici titolare del Bologna).

TABELLINO Bologna- Lazio 0-0:

Bologna: Agliardi, Motta, Antonsson, Sorensen, Cherubin, Taider, Perez (48′ Guarente), Krhin (87′ Pasquato), Kone (79′ Morleo), Diamanti, Gilardino.

Lazio: Marchetti, Cavanda, Biava, Ciani, Radu, Candreva (78′ Klose), Hernanes, Ledesma, Gonzales (69′ Lulic), Mauri (90′ Onazi), Kozac.

Espulsi: 88′ Kozac per doppia ammonizione

PAGELLONE:

Agliardi voto 7: Salva la baracca in un paio di occasione nel primo tempo. Tanto basta.

Sorensen e Krhin vot 6,5: decisamente i migliori tra i rossoblù: L’uno difende con ordine, l’altro prova a costruire qualcosa. Sono le note liete del lunedì sera bolognese, anche perché sono tra i più giovani in squadra. Bisogna puntare su di loro, in futuro.

Diamanti

Diamanti voto 5: è il giocatore con più qualità in rosa, ma se non gestisce le giocate in funzione della squadra la qualità non serve a molto. Sbaglia quasi tutto, e non si tratta di errori tecnici, ma proprio concettuali. Speriamo si riprenda velocemente

Giovanni Baiano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.