Bologna, contro la Juve Taider sulle tracce di Pirlo.
E sul centro tecnico il Movimento 5 stelle
alza la voce: “Solo cemento”

Talentuoso play classe '90 della Vis Trebbo Basket
Trebbo non tradisce battuto il CVD
29 ottobre 2012
maglie
Meccanica Nova,
presentate le nuove maglie
29 ottobre 2012
zaffiro

Bologna già in campo questa mattina, all’indomani del ko con l’Inter e in vista della gara di mercoledì sera in casa della Juventus. Come sempre dopo la gara, allenamento defaticante per i titolari, quindi poche le indicazioni sulla probabile formazione che scenderà in campo allo Juventus Stadium. Visto l’impegno di mercoledì e quello ravvicinato di domenica prossima contro l’Udinese, ci sarà comunque turnover: resta da valutare se già contro la squadra di Conte e Alessio. Potrebbe avere una maglia da titolare, sulla destra, l’ex di turno, Marco Motta. Ma in questo caso si aprirebbe il capitolo legato a chi indosserà la fascia di capitano. Sarà infatti assente per squalifica Diamanti, e Perez (che oggi ha svolto lavoro differenziato) rientrerà probabilmente domenica prossima contro l’Udinese. Nella precedente occasione in cui mancavano sia il capitano che il vicecapitano, la fascia era andata a Garics. Pioli sembra orientato a confermare il modulo con il trequartista alle spalle delle due punte anche mercoledì, quindi a supporto di Gabbiadini e Gilardino dovrebbe essere riproposto sulla trequarti Taider, con il compito di tenere a bada Pirlo, fonte del gioco della Juve, così come aveva fatto con Conti contro il Cagliari. Al momento la mediana dovrebbe essere composta da Kone, Pazienza e Guarente, ma le indicazioni vere arriveranno dall’allenamento (a porte chiuse) di domani. E per un Diamanti squalificato (al pari di Vidal per i bianconeri), Stefano Pioli sarà regolarmente al suo posto in panchina contro la Juventus dopo l’espulsione rimediata ieri contro l’Inter. Il giudice sportivo, per Pioli come per Baresi, ha optato per un’ammonizione “per essere, al 17° del secondo tempo, uscito dall’area tecnica per contestare la condotta di un calciatore della squadra avversaria; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale”.

CENTRO TECNICO – Intanto, il Movimento 5 stelle alza la voce sul nuovo centro tecnico del Bologna a Quarto Inferiore. “L’accordo sottobanco tra Bologna Football Club 1909 e Comune di Granarolo dell’Emilia  con la supervisione di Mister Cemento Giacomo Venturi sta per prendere corpo – accusa Giovanni Favia, Consigliere del Movimento 5 Stelle, che segnala di non aver ancora  visto dare risposta alla sua interrogazione al riguardo presentata lo scorso agosto – e la Regione Emilia-Romagna, rimasta come un’inutile guardona fuori dalla porta, s’è comportata come la peggiore delle serve. L’Assessore Alfredo Peri ha preferito non rispondere alle nostre domande e chiedere un raddoppio dei tempi di risposta, procrastinando quindi a dopo la riunione di mercoledì la scadenza. Un comportamento prono nei confronti del potere del dio denaro, che umilia l’Istituzione regionale al cospetto dell’imprenditore Albano Guardaldi. Com’era chiaro sin da subito, e noi avevamo denunciato, il Centro sportivo è solo una grossa occasione di cementificare: parliamo di 22 etta ri agricoli strappati all’agricoltura, e 35.000 metri quadri di terreno edificabile in cambio di irrisorie opere compensative. Senza scordare il ‘favore’ di concedere la costruzione di altri 900 metri quadri di case in Via Roma, dove ora c’è il centro sportivo, sicuramente in posizione più appetibile rispetto al Centro Tecnico. Insomma, un bel favore al costruttore, no?” – si domanda retoricamente Favia – che inoltre guadagnerà anche valore commerciale, grazie al Centro, per le sue ‘Oasi di Futura” e ‘Residenza il Parco’ della sua Futura Costruzioni… casualità. Alla faccia delle chiacchiere sul ‘cemento zero’ che ogni tanto ci propinano Vasco Errani e Beatrice Draghetti – conclude il Consigliere M5S – ma, come sta avvenendo in Sicilia, anche in Emilia-Romagna sempre più gente si accorgerà che la facciata di questo PD non corrisponde alle politiche di fatto, e il sistema cambierà.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.