Idea Volley ko a Sanremo Volley 2000 nelle Marche prende 1 punto
14 ottobre 2012
Football USA giovani,
ok Ravens e Doves,
ko i Warriors
15 ottobre 2012

Le parole di coach e capitano.

Salieri – Soddisfatti per aver dato continuità alla prova di Casale, e questo serviva per la nostra autostima e per prendere coraggio. Ancora meglio pensando a come siamo stati bravi a restare attaccati davanti alla loro zona, vincendo tre tempini su quattro a legittimare la vittoria. Presenza mentale, carattere, e quando abbiamo stretto siamo andati via in contropiede, con azioni spettacolari, e Pecile ha tracciato la strada a tutto il gruppo. 40 rimbalzi presi contro una squadra molto forte e atletica, e questo dato ci dà forza e ottimismo: non abbiamo avuto un leader, ma una distribuzione importante che ci ha dato il senso della squadra. Vogliamo crescere, ma intanto portiamo a casa una vittoria in un modo che fa bene a noi e al pubblico. Abbiamo fatto una settimana forte in allenamento, ora dobbiamo dare continuità anche a questo, perché allenarci al completo alza la qualità della settimana e quindi anche quella della partita. Gli acciaccati? Martedì rifanno le ecografie, ma Drenovac e Gasparin dovrebbero avere il via per ripartire, anche se servirà tempo a riportarli al livello degli altri dopo lo stop. Mosley è in recupero, ha avuto minutaggio maggiore di Casale, mentre anche Harris ha bisogno di riprendere la condizione fisica dopo una infiammazione rotulea, ma spero in tre settimane di averli tutti a posto. Ora qualche acciacco, ma niente di particolare.

Pecile – Poco da dire, partita che ci serve tanto per fare esperienza contro una squadra talentuosa, che veniva da una sconfitta casalinga e che ci ha costretto ad affrontare tanta zona. Frustrante per 30’, quando vorresti spaccare il mondo con le cose che avevi preparato. Siamo stati però bravi a contenere lo scarto, e poi ci siamo riavvicinati quasi subito: qui loro si sono intestarditi nel gioco forzato, e bravi noi a punirli con un gioco di squadra anche bello da vedere. Eravamo più pronti che a Casale, quando nel prepartita ci eravamo allenati anche con gli allenatori in campo per far numero, stavolta abbiamo fatto buoni allenamenti e con tanta voglia di farlo dopo le fatiche dei giorni precedenti. Si sente che il gruppo sta crescendo, ora speriamo di recuperare tutti per aumentare ancora di più il livello degli allenamenti. Io credo che potevamo stupirci del livello degli altri: mi sono reso conto che questo non è così alto come pensavo, ci sono italiani con senso di squadra ma americani più scarsi di quelli a cui eravamo abituati, con meno altruismo, e ci sono tanti uno contro cinque e gente che sparacchia. Solo fiammate, ma buchi in difesa, e noi invece abbiamo impostato un tipo di lavoro diverso, con americani che hanno capito dove sono arrivati: Harris sta facendo più di quello che gli viene chiesto, Mosley sa di non avere gran movimenti ma porta blocchi, rimbalzi e schiaccioni con il ginocchio gonfio. Vuol dire che hanno capito, e bravi noi ad integrarli in un gruppo che funziona. Ma ora dobbiamo continuare.

 Il tabellino Biancoblù: Harris 16,Cournooh 4,Verri 6,Pecile 23, Montano n.e,Diviach 0, Cutolo 20,Pini 8,Vitali 3,Drenovac n.e,Mosley 6.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.