BiancobluBologna0722
Emil Banca è match sponsor di Biancoblù – Trieste
23 novembre 2012
Motor show
Le novità del Motor Show,
auto in prova per tuttti
24 novembre 2012
arcoveggio

Bologna in tenuta festaiola ospita i gentleman nella tradizionale kermesse autunnale dedicata alla passione e all’agonismo che da sempre animano le sfide riservate ai dilettanti, motori di un’ippica che non vuole arrendersi e che spesso lasciano fuori onda problemi professionali, impegni famigliari, per incrociare le fruste e incontrasi al termine della manifestazione per un divertente “terzo tempo” vissuto davanti ad un desco ben imbandito.

Otto le manche agonistiche previste dal palinsesto, con un clou di qualità programmato sulla media distanza e con partenza ai nastri , nove i binomi al via e tanto equilibrio in virtù della forma al top palesata di recente da soggetti del calibro di Intrepid Bi, che Paolo Borin proietterà in avanti nel tentativo di arginare l’ardente Lando Correvo, rappresentante in giubba gialla del presidente di categoriaCesare Meli, mentre Melandri Kyu e Landolfo offrono chance in chiave podio ai loro proprietari Ciraso e Bechis. Dura la risalita per i penalizzati, Gauguin Ans e Mayon Dei Greppi, mentre il ruolo di jolly ben si confà alle caratteristiche di Norton Pride, agguerrita briscola del veneto Massimo Bressan.

Il pomeriggio si apre alle 14.30 con un’affollata prova riservata ai tre anni, in tredici al via, per un pronostico a tre punte Push Up Valley, con Canali alle redini, Pay Gal, in trasferta dal nord-est sotto l’egida tattica di Otello Zorzetto e Poledrica, esimia regolarista con Andrea Martinelli in sediolo, poi, plebiscito per Olaf Rivarco ed Alessi, driver in lizza per la classifica nazionale sfidato dal suo attuale runner up Nicola Del Rosso a bordo di Oilcan nonché favorito alla terza grazie alla caratura atletica superiore del suo Oise dei Greppi. Qualità ed equilibrio alla quinta, Loris Roc in fuga e Nicea Gas in scia per un match tra Marco Rocca ed il campione d’Italia uscente Matteo Zaccherini, pronto ad abdicare non senza aneliti di orgoglio rappresentati dalla sua Niagara As, da seguire con interessata curiosità alla ottava. Non ci siamo dimenticati della settima, dove quindici routinier di lungo corso affrontano i due giri di pista e Sandro Gori non vuole recitare ruolo di comparsa , il suo Impeto Holz ha infatti le carte in regola per un coast to coast vincente magari davanti ai corregionali Nobody Jet e Gianfranco Kersbaum.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.