Alberto Bortolotti
Scuoce la pasta di CDR, tagliato dai Lakers
Delirio Fortitudo: veleno tra Repesa e Martinelli
Sacrati attacca Romagnoli

Pungetti
” Pungio ” punzecchia: ” Sulla F, ora, tutti zitti “
24 ottobre 2012
poeta
La Virtus torna a scuola
e incontra i tifosi
al Centro Lame
24 ottobre 2012
bortolottioutdoor

Spigolature dal mondo del basket nostrano e oltre Oceano.

I Lakers hanno tagliato Chris Douglas-Roberts, ex virtussino, autore di un recentissimo sfogo contro le abitudini italiane. Ora potrà avere molto tempo per selezionare un ristorante californiano in cui si possa, finalmente, mangiare buona pasta, non come in Italia.

Repesa – l’ennesimo che si proclama ” grande cuore Fortitudo , ma quanti sono? Ed é sempre vero? Mah… -, parlando con Francesco Forni di Repubblica,  ha accusato Martinelli di essersi intascato dei soldi e l’ex proprietario Fortitudo, intervistato da Franco Montorro per Basketnet, gli ha preannunciato querela. Ma la cosa più interessante, al di là dell’ennesimo episodio di ” vivacità ” del mondo biancoblù, in cui non passa giorno in cui qualcuno, apparentemente, non esca rumorosamente dalle righe, é che Martinelli non solo sostiene di aver pagato tutte le rate del mutuo del PalaDozza, ma che Sacrati ha rinunciato a certe sue spettanze dal Comune per acquisire benemerenze in vista del famoso ” Parco delle Stelle “.  Vicenda che andrebbe approfondita.  Cioé Sacrati non é debitore, ma creditore e la politica avrebbe dovuto pareggiare tutto? E poi, se é vero, non lo ha fatto perché? Oggi, comunque, l’affossatore – é un dato oggettivo, visto come sono andate le cose – della Fortitudo ha detto a Radio International Bologna cose interessanti: ”  I pagamenti pregressi spettano a chi subentra, ho cercato di parlare con Romagnoli in questi giorni, ma da lui non ho ricevuto nessuna chiamata. Romagnoli deve impegnarsi seriamente anche per iscritto“. Poi sui mancati pagamenti ai giocatori e sullo sciopero: “Noi abbiamo anticipato delle somme per le trasferte e per il settore giovanile. I ragazzi? Ho parlato con loro il 30 settembre e detto che chi avesse vinto l’asta, alla fine avrebbe pagato. Lo sciopero è un’azione giusta, perchè i giocatori devono capire che succede. Semmai la prima cosa che avrebbero dovuto fare i nuovi, sarebbe stata quella di parlare subito con loro“. Cosa si rimprovera del passato? “La partenza con Martinelli è stata una scelta, giusta o sbagliata che fosse: io ho cercato di tenere viva la Fortitudo e ci ho messo dei quattrini. Il tribunale ha detto che questa è la Fortitudo; altrimenti perchè Romagnoli si sarebbe presentato, se la Effe vera fosse stata la sua? Oggi la Fortitudo non deve morire“. Sulle intenzioni di Romagnoli e soci: “Non so cos’abbiano in mente, non posso rispondere per gli altri. Dopo l’asta la mia proprietà ha le quote bloccate, è ovvio che sia necessario incontrarsi per mettersi d’accordo e decidere il da farsi. La vicenda PalaDozza e i 6,4 milioni di euro di debito nei confronti del Comune di Bologna? Non ho responsabilità su quel mancato pagamento: questo lo verificheranno, ne sono sicuro e poi andremo avanti“.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.