Alberto Bortolotti
La Pazienza ha un limite
Alino giochi mezzala
la preparazione in 1 anno é peggiorata

Emilio Baldi 6 team vogliono comandare su tutta la Formula 1
23 ottobre 2012
L’Atletico sbanca la Lunetta
23 ottobre 2012

A un’ora di distanza l’uno dall’altro, nelle telefonate che preparano il ” Pallone Gonfiato “, Gianni Marchesini e Paolo Magnani mi dicono la stessa cosa: ” Il gol subito a Cagliari ha fatto assomigliare tremendamente Ekdal a Borja Valero. Dopo Firenze abbiamo mostrato un difetto tattico, fisico e di comportamento identico, e il protagonista negativo é sempre Pazienza, che accompagna gli avversari senza contrastarli “. Bene, a maggior ragione, se é così, le mie critiche a Pioli, su più punti, hanno un senso. Perché l’allenatore, che sia pancia piena o no, non ha neanche tanta importanza ( ma quell’overrule di soldi ha messo club e tecnico nella medesima condizione di atarassia, nessuno rompe le palle all’altro ), sta dando poco, non solo in termini numerici – e quella tabella l’ha mostrata lo stesso Marchesini – ma di temperatura agonistica, caparbietà, unità della squadra. Tutte cose sviluppate in diretta, e in più c’é un aspetto, evidenziato, giustamente, dal Carlino. Gli infortuni e la preparazione. Se l’avesse fatto Bisoli ci sarebbero bandiere, tamburi e striscioni in piazza ( prevengo l’obiezione: il porrettano ha fatto schifo. Ok, ma nessuno ha la controprova che avrebbe continuato a farlo, fosse rimasto, come nessuno ha la controprova che Pioli sia un valore aggiunto come l’anno scorso – purtroppo -: dove sta scritto? ), oggi si tace per non disturbare il manovratore o per un malinteso senso di ” difesa di squadra e giocatori ” ( tradotto: attacchiamo Guaraldi e Zanzi. Ok, lo facciamo, e poi? ). Per chiudere, due notazioni: la prima é che stasera io proporrò Diamanti mezzala in un 3-5-2. Sicuro: ha piglio, passo e piede vellutato. E si é di sicuro sbriciolato gli zebedei di giocare spalle alla porta. Infine, ha parlato Setti ( a International Bologna ), dicendo ”  forse ci sono problemi di amalgama e di scelta di qualche giocatore che in fase di mercato è stato sbagliato. Cosa potevo fare a Bologna? Non lo so, non mi piaceva il tipo di gestione. ” Niente di nuovo, tanto di vecchio. E poco di irragionevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.