Alberto Bortolotti Dal Ministro dell’Agricoltura Catania un brusco stop al Centro Tecnico rossoblù

E’ molto netta la condanna del Ministro dell’Agricoltura Mario Catania, oggi presente a Bologna, alle due ipotesi di costruzione più ” invasive ” e note sul territorio bolognese: Passante Nord e Centro Tecnico del B.F.C. “Posso solo ribadire che noi tutti, in Emilia e fuori dall’Emilia, dovremo pensarci dieci volte prima di autorizzare ulteriore consumo del terreno agricolo in un Paese che ha gia’ bruciato cinque milioni di ettari negli ultimi 40 anni”. E specifica: ” “Ho letto di questo (del progetto del Passante nord, ndr) e ho letto anche di un progetto del Bologna Calcio che si mangerebbe diverse decine di ettari agricoli”.

Questa mattina sugli stessi temi il Presidente Guaraldi era intervenuto in diretta a Radio International, rispondendo, peraltro a un articolo di Repubblica che veniva letto in rassegna stampa ( ovvero, le nuove frontiere della comunicazione: non si risponde nel posto in cui é uscita la notizia, ma altrove. Bah…): ” Voglio sottolineare che il centro tecnico lo stanno facendo anche altri presidenti, non solo io con il Bologna. Rispetto all’articolo preciso che la perizia sui terreni non l’ha fatta Giacomo Rimondi ma un altro pinco palla qualsiasi. Inoltre i terreni li ho comprati sette anni fa dall’Opera Pia Poveri Vergognosi al costo di 67mila euro a ettaro; e parliamo di terreni gravati da una servitù di passaggio che li divide a metà. Se poi si guardano i prezziari medi sono di 40-45mila euro a ettaro ma per terreni di Castello d’Argile o di zone più periferiche. Sennò poi passa un segnale sbagliato ai tifosi “. Nell’articolo di Repubblica si evidenziava 1) il costo del terreno, 1.650 milioni 2) la proprietà degli stessi ( Rimondi/Chiarlone ) 3) le critiche di Nomisma al prezzo 4) il fatto che presumibilmente l’ipotesi di costruire ha fatto lievitare il prezzo 5) la data del rogito, 19 luglio ( quindi fuori dal bilancio, chiuso il 30 giugno ) 6) la coincidenza con la ” scalata ” di Guaraldi al 51%, completata la settimana dopo con l’acquisizione delle quote di Yien 7) il fatto che la perizia fosse eseguita dal figlio del socio Rimondi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.